TAG:
Area Riservata


Accedi
Registrazione
Richiesta informazioni
  • Totale sessioni attive: 138
  • Utenti autenticati: 0
  • Visitatori: 138




Ultimo sondaggio:

Forum:


Terminato il progetto Aumentiamo la realt

Dopo poco più di tre mesi di intenso lavoro è arrivato alla conclusione il progetto "Aumentiamo la realtà", con la partecipazione di due classi del nostro istituto, la II C PIA e la III B SSS, della III B del Liceo Dettori, della II A e della III A della Scuola Media Alfieri e dalla classe di informatica (una si è ritirata in corsa) del CPIA "Karalis 1".

Scarica la relazione completa con i dettagli del progetto, il suo sviluppo e la sua articolazione (Rel_02_20170627)

Il progetto "Aumentiamo la realtà" è fra le attività previste dal progetto Erasmus Plus "Cosmopolitismo Digitale" al quale la nostra scuola aderisce già dallo scorso anno e rientra fra le attività che l’AD del Pertini, prof. Alessandro Congeddu, era tenuto a realizzare dopo aver seguito un corso di formazione all’estero (Grecia) nel dicembre 2016: attraverso il progetto si doveva garantire una adeguata disseminazione delle conoscenze e delle competenze maturate dal prof.Congeddu su almeno tre scuole sarde candidate ad essere coinvolte in progetti per la diffusione e l’uso delle TIC nella didattica.

La tematica trattata dal nostro progetto è quella della realtà aumentata facendo uso del software Aurasma disponibile gratuitamente online.
L’applicazione Aurasma permette di costruire “oggetti di apprendimento” denominati aure costituiti da due elementi fondamentali: il trigger ovvero un’immagine fissa e l’overlay, ovvero un oggetto multimediale (essenzialmente un’immagine, un filmato, una traccia audio, ecc.) associato al trigger e che va in esecuzione quando questo viene collimato usando la video camera del dispositivo mobile su cui è stata installata l’app Aurasma.

Grazie alla realtà aumentata è certamente possibile attuare un nuovo tipo di didattica, “al passo con i tempi”, senza limiti apparenti di applicazione nelle discipline scolastiche di ogni corso di studi, particolarmente coinvolgente e gradito agli alunni in quanto permette loro di fare uso del proprio dispositivo mobile (cellulare e/o tablet) per dare voce e immagini alla loro creatività facendo scuola, partecipando attivamente alle lezioni e rendendo gradevole fare i compiti a casa.

Il nostro progetto, grande momento di incontro fra scuole secondarie di gradi diversi, grazie, e forse soprattutto, per la tipologia dello strumento scelto per il suo sviluppo, ha permesso una importante compartecipazione e condivisione di interessi e di saperi.

Si possono individuare, a fianco a quello della disseminazione, anche altri importanti obiettivi:

** la definizione di un metodo innovativo, quasi di un protocollo operativo, per favorire la diffusione di informazioni e conoscenze

** indurre la realizzazione di programmi didattici che vedano il coinvolgimento partecipe di docenti e alunni

** permettere a tutti gli alunni di cogliere potenzialità ancora non esplorate dei propri dispositivi mobili, confidando che inizino ad usarli per le finalità di questo progetto più che con altre applicazioni meno utili alla loro crescita e formazione

** l’estensione anche a contesti non necessariamente scolastici delle competenze apprese, così da rinforzare negli alunni la consapevolezza dei propri mezzi ed il consolidamento dell’autostima.

Fai clic qui per vedere il padlet condiviso fra le scuole partecipanti sul quale sono stati “appuntati” tutti gli interventi operativi e per poter vedere i prodotti finali delle scuole coinvolte nel progetto. Il progetto è anche su Twitter: segui l’hashtag #ARasmusCondivisa

Scarica la relazione completa con i dettagli del progetto, il suo sviluppo e la sua articolazione (Rel_02_20170627)

E’ interessante sottolineare l’interesse suscitato in tanti colleghi che, incuriositi dal fermento suscitato a scuola durante le fasi di sviluppo del progetto, hanno chiesto di imparare ad usare loro stessi l’app per la realtà aumentata Aurasma: una vera e propria disseminazione interna!

Per concludere - dati i risultati ottenuti e l’entusiasmo mostrato da docenti e alunni che hanno partecipato al nostro progetto - si può a ragione dire che l’obiettivo principale che ci eravamo posti sia stato raggiunto: disseminazione avvenuta con successo!

Ringrazio i Colleghi Giovanna Cabiddu (referente per la II C PIA del Pertini), Maria Elena Monari (referente per la III B SSS del Pertini) Mariarosa Orrù (AD Dettori, referente per la III B del Dettori), Graziella Posadino (AD Alfieri referente per la II A e III A dell’Alfieri), Venanzio Ponziano (AD CPIA “Karalis 1”, referente per il corso di informatica del CPIA), per aver creduto da subito nel progetto che ho proposto loro e per essersi adoperati davvero con tutti i mezzi e tutte le loro energie per la sua buona riuscita.

Doveroso il ringraziamento alla prof.ssa Anna Rita Vizzari, referente regionale per il PNSD, per essere sempre pronta a dissipare ogni dubbio, per i consigli ed il continuo sostegno alle nostre attività, e grazie alla Dirigente del Pertini Laura Caddeo per la assoluta fiducia che dimostra ogni giorno nei miei confronti.

Infine un grazie di cuore alle alunne e agli alunni di tutte le classi che hanno partecipato: con la vostra creatività ed il vostro impegno avete reso possibile una cosa bella ed importante, un esempio, speriamo, per i vostri compagni di tante altre scuole che vorranno cimentarsi con la realtà aumentata. Bravi!

(testo: Alessandro Congeddu)